Qualcuno mi spiega cos’é la “bella presenza”?

Oggi ho visto un annuncio di lavoro per una agenzia del nord-est italiano.

L’annuncio diceva:

bella presenza

La cosa che ovviamente mi ha colpito è stato: “completano il profilo: bella presenza”.

Qualcuno mi spiega cosa vuol dire? Guardando gli altri requisiti, mi sono anche sentito un buon candidato. Anche se il progetto mi sembrava interessante, mi sono comunque sentito bloccato e non ho mandato il mio CV.

La domanda che mi assilla è:

sono una bella presenza?

Continue reading

Avis: opinione di un cliente deluso

Prima volta che noleggio un’auto con Avis, ed è subito fregatura: 15E indebitati ingiustamente. 

Noleggio un’auto AVIS all’aeroporto di Venezia, per un totale di 105KM. In aeroporto, i dipendenti Avis sono ultragentili e la macchina e’ praticamente perfetta. Ho pensato : “wow!”.

Riporto indietro l’auto, ed è qui che la cosa inizia a non quadrare: poiché è la prima volta che noleggio l’auto e NESSUNO allo sportello AVIS mi ha detto di fare il contrario, la riporto con il pieno fatto. Spendo esattamente 10E (iva inclusa) di pieno.

Torno a casa, e mi trovo addebitati 15E sulla mia carta di credito da parte di AVIS. 

Ma come? Perchè?

Continue reading

Non so dormire in Italia

Non so dormire in Italia

È passato un bel po’ di tempo dall’ultimo post che ho scritto in italiano. Non so perché, ma penso sia pigrizia.

‘Non so dormire in Italia’ è un titolo liberamente ispirato ad una canzone di Loredana Berté, che potete trovare nel suo album ‘Streaking’, uscito nel 1974. Piacevole scoperta.

Bè. Io nel frattempo ho lasciato Berlino nel luglio 2013, e mi sono trasferito per quasi un anno in Nuova Zelanda. Più precisamente ad Auckland. Ho voluto bene alla Nuova Zelanda, e ancor di più ai neozelandesi che mi hanno accolto con gentilezza e tenerezza. I neozelandesi sono teneri. Poi, io e Giulia abbiamo deciso di tornare. Dico che ho voluto bene alla Nuova Zelanda perché non penso di averla amata. Sicuramente ho visto e vissuto in posti stupendi (aggiungo anche Rarotonga nelle Cook Islands che ho avuto modo di visitare), ma io nei posti in cui vivo cerco sempre quella vena rock and roll che non ho visto in NZ.

La tipica domanda che le persone che incontro nel mio cammino mi chiedono è: cosa vuol dire ‘rock and roll’?

Continue reading

Bookstee, un nuovo progetto per me

bookstee

Un post breve.

Ma condivido la fortuna di essere parte di questo progetto con tutti voi.

Il progetto è Bookstee – your books next to your heart , ed è un progetto bellissimo. Scegli i tuoi 10 libri preferiti, e Bookstee ti prepara una maglietta con lo scaffale dei tuoi libri disegnati da Elena, una designer italiana che temporaneamente vive in Nuova Zelanda.

Giulia (la mia Giulia) supervisiona le operazioni e la comunicazione, mentre io mi godo la passione che vedo da queste due ragazze per questo progetto. Il mio ruolo è quello di aver messo online il sito.

Bella fortuna vero?

Insomma date una occhiata a Bookstee. Da oggi potete portare i vostri libri preferiti sempre con voi, con una maglietta (numerata) che solo voi al mondo possederete.

Qualcosa di nuovo

removeclothes

 

Mi capita spesso di aggiornare la parte in lingua inglese del mio blog, per una questione di comodità.

Voglio aggiornarvi anche qui.

Ho creato il mio CV online. Ora, io non credo più molto al CV in PDF (anche se lo mando comunque) e come concetto non credo proprio al CV stesso. Il CV spesso è noioso, privo di fantasia, una autocelebrazione, e spesso contiene delle cose NON vere (o almeno non del tutto). Allora ho deciso di creare qualcosa che mi divertisse di più, e lo potete trovare qui.

Ho iniziato a mandare in giro questa pagina in giro per il mondo, e ho avuto parecchi riscontri. Sono contento, ma non tanto per il riscontro in sé, ma perché c’è gente che mi ha raccontato di essersi divertita un mondo nel leggere le mie referenze, oppure CEOs che si sono complimentati per aver fatto qualcosa di diverso (e questo mi fa capire quanto poco basta per fare qualcosa di magico) o persone delle risorse umane che hanno visitato il mio blog partendo da quella pagina.

Bello no?

Lo sapete già, ma mi sono messo sul mercato ancora, in quanto da metà ottobre (manca solo un mese, yuhuu!) mi trasferisco con Giulia ad Auckland, in Nuova Zelanda. Ho il visto per un anno, ma come dico sempre “la cosa più bella di questo progetto, è non avere un progetto“. Voglio essere libero, e pronto per creare qualcosa di bello e magico in una terra così lontana e mai esplorata prima. Qualcosa che mi renda vivo, qualcosa che semplicemente definisco rock and roll . Ho già qualche contatto lì e in altre parti del mondo. Sì, perché viviamo in un mondo di connessioni, e avere una chiamata in Australia, mentre trovo casa in Nuova Zelanda, mandandomi mail con persone in Svizzera è qualcosa di speciale.

Questi sono un po’ di aggiornamenti che volevo condividere con tutti voi. A prestissimo!

applehead